CURIOSITÀ

Riccardo Spiega...

In questa sezione sempre in aggiornamento trovi tante informazioni e curiosità sul mondo della visione!
Scorri tra gli articoli o scegli tra i tag qui sotto.

Tags

#optometria#visione#professionista#difettovisivo#visionesfocata#occhiali#laboratorio#artigianale#lenti#luce#protezione#lentiacontatto#multifocali#cinetosi#training#bambini

Curiosità

Lenti Multifocali

Una vita dinamica

Gli smartphone, il computer, la guida, il lavoro, gli hobby... Le nostre attività quotidiane richiedono una visione precisa e dinamica ed il nostro sistema visivo è sottoposto a notevole affaticamento e stress accomodativo. Con il passare degli anni e l'insorgere della presbiopia (vi ricordate? Ne abbiamo parlato in una precedente curiosità) i nostri occhi non sono più in grado di focalizzare bene gli oggetti più vicini. Questo può avvenire anche per attività particolari o per difficoltà nella visione binoculare. Come fare?
Per risolvere questo problema e garantirci una visione dinamica esistono le lenti multifocali o progressive.

Bifocali, multifocali, porogressive... Quali differenze?

Proviamo a fare un po' di ordine...
"Multifocali" indica lenti con più fuochi, ossia più poteri correttivi differenti.
"Progressive", perchè il passaggio tra i vari fuochi non avviene con un salto ma gradualmente, progressivamente.
Possiamo considerarle l'evoluzioni delle "bifocali", le classiche lenti con la lunetta, le quali avevano due fuochi (da qui il termine bi-focali) con un passaggio non graduale tra loro.

Con i termini multifocali o progressive si descrivono quindi le stesse lenti: quelle che ci consentono con un'unica soluzione ottica una visione nitida, confortevole e dinamica di oggetti posti a diverse distanze da noi.

Come funzionano?

Le lenti multifocali nascono per consentirci di vedere bene da lontano e da vicino. Ma come funzionano? Se pensiamo a come guardiamo attraverso un occhiale, ci renderemo conto che sfruttiamo in modo differente le varie zone delle lenti: quando guardiamo lontano tendiamo a usare la parte alta dell'occhiale, mentre per leggere usiamo la parte più bassa. Basta pensare a un esempio tipico: la guida. Per guardare la strada guardiamo dritti davanti a noi, mentre per il cruscotto abbasseremo lo sguardo. La sfida è quindi creare delle lenti che varino gradualmente il loro potere dalla parte alta, dove verrà centrato il potere necessario per lontano, alla parte bassa, dove troveremo il potere per la lettura.

Immagine che mostra lo schema di progressione di una multifocale con zone ottiche ampie e simmetriche.

Immagine che mostra lo schema di progressione di una multifocale, con zone ottichenon simmetriche tra i due occhi.

Per ottenere l'effetto voluto le due superfici della lente sono progettate e prodotte in modo da variare gradualmente il potere correttivo della stessa.

Sembra semplice? Purtroppo la presenza simultanea di vari poteri correttivi porta la lente ad avere delle zone di aberrazione, termine che indica delle parti della lente con poteri non voluti, che non ci consentono una visione adeguata. Se guardiamo la foto con lo schema colorato delle lenti qui sopra, possiamo vedere una zona rosa che dalla parte più alta si stringe e scende verso il basso della lente. La zona rosa indica la parte della lente dove troviamo il potere necessario per una corretta visione. Le zone laterali, con colori via via più diversi rappresentano le zone di aberrazione.
Queste parti della lente non ci consentono una buona visione. Attenzione: a parità di potere può esserci molta differenza di qualità tra una lente e un'altra! Perchè una lente sia confortevole infatti le zone di aberrazione devono essere il più limitate, periferiche e simmetriche possibile, sia per lontano sia per vicino. Tutto questo non è cosa semplice specialmente se le correzioni necessarie nei due occhi sono differenti.

Altre lenti multifocali

Le lenti multifocali non esistono solo nella versione più comune, quella che ci consente di vedere da lontano e da vicino. Esistono infatti anche in alcune varianti specifiche, quali ad esempio le lenti per ufficio o le lenti a "supporto accomodativo". Di queste lenti speciali parleremo in una curiosità a loro dedicata, in futuro: state connessi!

Per concludere

Abbiamo imparato che le lenti multifocali sono una soluzione ottimale per la vita di tutti i giorni, e ci permettono di vedere nitidamente a tutte le distanze, ma anche che sono lenti più tecniche e complesse, che richiedono una qualità ottica e di produzione superiore. Infine, è importante anche una prescrizione attenta e dedicata alla soluzione ottica: rivolgiti al tuo optometrista di fiducia!

Lenti oftalmiche: i materiali

Le lenti oftalmiche rappresentano un ausilio importante per una corretta visione. Per consentire la giusta qualità visiva, i materiali utilizzati in ottica devono garantire buone caratteristiche di uniformità, trasparenza, dispersione e indice di rifrazione.

Materiali

I materiali delle lenti oftalmiche si distinguono fondamentalmente in due grandi categorie: minerale e organico. Le lenti possono infatti essere prodotte in vetro, un solido derivato dal Silicio di uso molto comune, ma di qualità ottica superiore, o in materiali organici, composti cioè da polimeri a base di Carbonio e altri elementi di diversa natura.

Sia per i vetri sia per i materiali organici vengono prodotte alcune varianti che ne ottimizzano diversi aspetti tecnici, per venire incontro alle necessità generate dai diversi poteri da correggere.
Per quanto riguarda le lenti in vetro, al materiale di base vengono aggiunti metalli come il titanio o il lantanio, per rendere il materiale più "pesante" e aumentarne l'indice di rifrazione.
Allo stesso modo per le lenti organiche, ma con variazioni di materiale tipici di ogni ditta e non sempre resi noti, vengono prodotti materiali finiti di diversi indici.

Le caratteristiche dei materiali: l'indice di rifrazione

Abbiamo parlato di indice di rifrazione: questo parametro indica la capacità del materiale di rallentare e deviare la luce che lo attraversa. Più l'indice è alto più la lente potrà essere sottile a parità di potere. Nelle lenti oftalmiche gli indici vanno da un minimo di 1.5 ad un massimo di 1.76 per quanto riguarda l'organico e 1.9 per quanto riguarda il vetro.
Una lente 1.76 sarà quindi più sottile e leggera di una 1.5.

Al variare dell'indice di rifrazione cambiano però anche gli altri parametri di assorbimento e dispersione, che definiscono la trasparenza. Pensiamo al vetro: per aumentarne l'indice occorre inserire nel materiale un metallo, che renderà il vetro più rifrangente aumentandone l'indice di rifrazione, ma anche più dispersivo e meno trasparente. Allo stesso modo anche se con diversi materiali avviene per i materiali organici: non è possibile aumentare l'indice di rifrazione senza agire anche sulle altre caratteristiche del materiale.

L'obbiettivo della costante ricerca delle aziende produttrici e dei ricercatori è dunque trovare l'equilibrio migliore tra questi parametri, per produrre materiali ad alto indice ma con una trasparenza ed una dispersione ottimali.

Le caratteristiche dei materiali: trasparenza e dispersione

La trasparenza è la capacità del materiale di lasciarsi attraversare dalla luce, senza assorbirla o rifletterla. Un buon materiale deve consentire il passaggio di tutta la luce visibile, e trattenere invece la luce non visibile e dannosa, come i raggi UV. I materiali recenti, viste le nuove tecnologie di illuminazione e i dispositivi digitali sempre più presenti, sono stati rivisti per poter bloccare non solo gli UV ma parte della luce blu, visibile ma dannosa se presente in eccessiva quantità. Quanta luce blu bloccare è una domanda ancora in divenire vista la veloce evoluzione tecnologica. Certo è che i moderni led a basso consumo hanno una forte emissione nel blu (luce ad alta energia), richiedendo quindi accortezze particolari.

I parametri che influenzano la trasparenza sono l'assorbimento e la riflessione. Il primo è un parametro tipico del materiale, e dipende da come questo viene prodotto. La riflessione può essere controllata con i trattamenti di superficie: un buon antiriflesso limita la riflessione indesiderata, agendo direttamente sulla trasparenza finale della lente, ottimizzandone la qualità ottica. Per questo il trattamento antiriflesso è una componente fondamentale della lente oftalmica, da considerare come parte integrante dello stesso materiale.

Infine, un ultimo parametro importante è la dispersione. Questo parametro, meno apprezzabile direttamente a differenza di spessore e trasparenza, indica quanto la luce bianca che attraversa la lente viene scomposta nelle sue diverse componenti, quindi i diversi colori.
Questo dato deve mantenersi su parametri adeguati alla qualità richiesta dal settore dell'ottica, poichè anche se non è facile percepirlo ad occhio nudo, è un dato importante per una corretta visione.

Per concludere

Le lenti oftalmiche sono il frutto di costanti ricerche tecnologiche, che puntano a produrre materiali per lenti sottili, trasparenti e dalla qualità ottica superiore.
In base alle necessità, si possono scegliere materiali ad alto o basso indice, per ottimizzare lo spessore e la leggerezza, senza perdere qualità di visione.

Ortocheratologia

Cos'è?

L'ortocheratologia è una tecnica non chirurgica, affermata e sicura, che consente di correggere un difetto visivo tramite l'uso programmato di specifiche lenti a contatto.
Queste lenti solitamente vengono indossate di notte e rimosse al risveglio, permettendo una visione nitida a occhio nudo durante tutta la giornata.

Come funziona?

La particolare geometria di queste lenti a contatto modella in modo controllato la superficie esterna della cornea al fine di correggere il difetto visivo e consente di affrontare la giornata senza l'uso di occhiali o lenti a contatto.

Dopo la prima notte di uso si ottiene circa un 50% della riduzione del difetto, arrivando generalmente al 100% nei gironi successivi.

L'ortocheratologia è utilizzata per la compensazione di miopia lieve e moderata, ipermetropia, astigmatismo e, in casi selezionati, di presbiopia. L'entit&eagrave; del difetto visivo correggibile deve essere valutata dall'optometrista in base alle caratteristiche oculari della persona e ai progressi scientifici e tecnologici.

Esistono delle controindicazioni che devono essere valutate attentamente dall'optometrista e dal medico oculista durante le consulenze preliminari.

Quanto dura?

Il trattamento è completamente reversibile.
è sufficiente smettere di portare le lenti durante la notte per tornare alla situazione di partenza in un periodo che va da qualche giorno a qualche settimana, in funzione delle proprie caratteristiche corneali.

Perchè la si consiglia spesso a bambini e adolescenti?

È stato ampiamente dimostrato che l'ortocheratologia rappresenta, attualmente, la tecnica non farmacologica più efficace per rallentare l'aumento della miopia giovanile non patologica.

A chi mi devo rivolgere?

L'ortocheratologia è una tecnica specialistica che necessita di elevata preparazione ed esperienza da parte dell'applicatore al fine di garantire i massimi livelli di efficacia e sicurezza.. Il referente ideale è l'optometrista specializzato in lenti a contatto che collabori con il medico oculista.

Numerosi studi scientifici peer review, uniti a numerose evidenze cliniche, confermano l'efficacia e la sicurezza dell'ortocheratologia nel breve e nel lungo periodo.

È stato, inoltre, dimostrato che i migliori livelli di sicurezza si ottengono rispettando le indicazioni di manutenzione e i controlli programmati con l'optometrista e con il medico oculista.

Scegli con cura il tuo professionista cella visione!

Le definizioni presentate sono prese da ALOeO, Associazione Laureati in Ottica e Optometria e da Eurok, European Academy of Orthokeratology and Myopia Control. Fidati solo di professionisti che espongono il logo ALOeO, a garanzia di una corretta formazione ed un costante aggiornamento!

È bene recarsi periodicamente dall'optometrista per controlli visivi e da figure come il medico oculista per valutare la propria salute oculare.

Lenti a Contatto Multifocali

Le nostre attività quotidiane richiedono una visione molto dinamica: il lavoro, lo sport e i nostri hobby impongono ormai una costante alternanza di visione lontana e ravvicinata. Anche per chi non lavora in ufficio la moderna tecnologia ci porta a focalizzare molto spesso da vicino.
Cosa fare quando la visione da vicino inizia ad essere sfocata ma non vogliamo rinunciare alla praticità di non indossare l’occhiale? La risposta sono le lenti a contatto multifocali!

Cosa sono le lenti a contatto multifocali?

Di lenti a contatto abbiamo già parlato in una precedente curiosità. Sono dispositivi ottici che si indossano direttamente a contatto con l'occhio, consentendo una visione naturale e confortevole. Le lenti a contatto multifocali nascono per consentire una corretta visione a tutte le distanze con un'unica applicazione. Sono delle particolari lenti che contengono tutti i poteri necessari ad una visione nitida da lontano e da vicino.

Come funzionano?

Le lenti a contatto multifocali vengono prodotte con alcune variazioni di potere, solitamente concentriche, che modificano il potere della lente tra quello necessario da lontano e quello da vicino. In questo modo, una volta indossate, l'occhio ha a disposizione tutto il necessario per vedere in modo nitido alle varie distanze.

Che differenza c'è rispetto agli occhiali multifocali?

Nelle lenti da occhiali i poteri diversi sono posizionati nei vari punti della lente che noi useremo per le varie distanze (di questo parleremo sicurametne in una prossima curiosità... Quindi restate connessi!). Questo consente di trovare sempre il punto giusto per una visione ottimale, ma solo per specifiche direzioni di sguardo.

Le lenti a contatto non possono offrire questa soluzione perchè... si muovono insieme all'occhio! Ecco perchè vengono prodotte con tutti i poteri necessari simultaneamente presenti nelle varie zone della lente.
Questo porta al grande vantaggio di vedere bene a tutte le distanze per qualunque direzione di sguardo! Per fare questo però è necessario trovare la lente giusta per ogni portatore, ed "imparare" ad utilizzarla nel modo corretto, abituandosi a questa particolare situazione visiva.

Le lenti a contatto multifocali esistono per tutti?

Sì, o meglio: teoricamente sì!
Le lenti a contatto multifocali esistono ormai in tanti materiali e tipologie di porto, sia per chi vuole farne un uso saltuario, magari per la domenica o per le ferie, sia per chi vuole usarle quotidianamente.
Esistono lenti giornaliere usa e getta o mensili, in materiali indicati anche ad un porto prolungato.

Esistono lenti per quasi tutte le condizioni visive, per miopia e ipermetropia, ed anche per astigmatismo!

Come scegliere la lente giusta per me?

Le lenti a contatto multifocali, se provate senza una adeguata applicazione, oltre a comportare un rischio per la salute dell'occhio, difficilmente consentiranno una visione nitida e confortevole. Per quanto spiegato in precedenza, le lenti vanno provate con un professinoista al fine di verificarne la corretta calzata nell'occhio e per trovare la giusta correzione: non basta la prescrizione degli occhiali!

Per concludere

Le lenti a contatto offrono una visione confortevole e naturale, anche quando i nostri occhi iniziano a faticare nella visione da vicino. Affidati sempre ad un professionista per trovare la lente giusta per te e verifica periodicamente la salute dell'occhio con valutazioni optometriche e oculistiche.

Per qualunque dubbio... Chiedi al tuo optometrista!

Lenti a Contatto

Le lenti a contatto sono una soluzione pratica e discreta per i problemi visivi. In uso ormai da diversi anni, le lenti a contatto moderne sono morbide, confortevoli e comode da indossare.

Come funzionano?

Le lenti a contatto sono dei dispositivi ottici che si indossano direttamente a contatto con l'occhio nella sua porzione più esterna, la cornea. Possono coprire parzialmente o completamente la cornea, in base al tipo di lente usata.
La loro particolare forma consente, una volta in posizione, di correggere il difetto visivo garantendo una visione nitida ed una superiore naturalezza di visione rispetto all'occhiale.

Tanti tipi di lenti...

Esistono diverse tipologe di lenti a contatto, differenziabili per forma, materiale, metodo di correzione, durata...

Le lenti più comuni sono morbide, composte quindi da un materiale flessibile, che si adegua bene all'occhio e risulta confortevole da subito. Queste lenti possono essere giornaliere (usa e getta) o di durata variabile, dalla settimana al mese. Le lenti di durata superiore al giorno possono essere conservate in appositi liquidi che le puliscono e le conservano. Le lenti descritte si chiamano comunemente "disposable", che significa che si trovano già pronte in commercio, e possono correggere la maggior parte dei difetti visivi come miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia.

Non bisogna dimenticare però che le lenti a contatto, anche quelle disposable, sono dispositivi medici invasivi di classe IIa (dispositivi a rischio medio). Per questo non bisogna farsi ingannare dalla facile reperibilità: le lenti a contatto devono essere applicate e verificate da un professionista!

Diversi materiali

Abbiamo parlato di lenti morbide. Queste possono essere composte da materiali diversi.
Alcune lenti sono composte prevalentemente da un materiale contenente molta acqua chiamato hidrogel. Oltre a questo hidrogel, nelle lenti di nuova generazione viene inserito un materiale a base di silicone, che consente un maggior passaggio di ossigeno per lasciare respirare l'occhio, consentendo così al portatore un uso più prolungato nella giornata. Oltre al silicone, possono essere inseriti materiali biocompatibili come l'acido ialuronico.

Una famiglia completamente diversa è quella delle lenti dure. Come dice il nome, i materiale che le compone non è morbido ma rigido. Queste lenti vengono spesso chiamate semirigide, ma il loro nome tecnico è RGP. Solitamente di dimensione più ridotta rispetto alle morbide, la loro forma deve essere realizzata su misura per l'occhio, o provata con maggior attenzione affinchè la loro forma sia compatibile con quella dell'occhio.
Le lenti RGP vengono attualmente utilizzate solo per condizioni particolari, come cheratocono o altre condizioni che richiedano una specifica lente su misura.
In condizioni particolari, la qualità visiva ottenibile con queste lenti è superiore alle morbide ed all'occhiale.

Unendo lenti morbile e rigide, vengono realizzate le lenti ibride. Uniscono la comodità delle morbide alla qualità ottica delle rigide.

La durata delle lenti

Quando si utilizzano lenti a contatto è fondamentale rispettare la durata prevista. Esistono infatti lenti di durata diversa.

Le giornaliere sono attualmente le più utilizzate. Con questo termine si indicano le lenti a contatto morbide pensate per essere usate una sola volta. Il loro utilizzo può quindi estendersi al massimo alla giornata. Sono igieniche e molto pratiche.

Oltre alle lenti giornaliere, le morbide possono essere prodotte in versioni a durata variabile: settimanali, quindicinali o mensili sono le tipologie più diffuse. Consentono il matenimento di una corretta igiene con uno spreco di materiale minore. Con queste lenti è fondamentale la corretta gestione della pulizia.

Esistono poi lenti a durata ancora superiore, come le trimestrali o le annuali. Queste, nate prima delle attuali girnaliere, sono ancora usate in casi particolari di lenti a contatto costruite su misura, anche se ormai esistono lenti su misura anche menisli, rendendo le trimestrali e le annuali ormai quasi sempre superate per via del più difficile mantenimento della pulizia così a lungo.

Infine, le lenti RGP non hanno una vera scadenza come le morbide, in quanto il loro materiale è più facilmente pulibile a lungo. Di contro, la loro pulizia quotidiana richiede un impegno maggiroe.

Una lente per ogni necessità visiva

Le lenti a contatto possono correggere una ampia varietà di difetti visivi. Esistono lenti per miopia, per ipermetropia, per astigmatismo e anche lenti multifocali per presbiopia. Di queste ultime parleremo in una curiosità apposita, quindi continuate a seguirci!

Ormai, anche nella pratica versione gironaliera si può correggere la maggior parte dei difetti visivi! Chiedi al tuo ottico e saprà trovare la soluzione perfetta per te.

Un occhio alla moda

Oltre che un pratico metodo di correzione, le lenti possono essere un vero e proprio accessorio di moda: è il caso delle lenti cosmetiche o colorate. Esistono sia in versione gironaliera sia a durata maggiore, in diversi colori, dai più naturali a quelli più vistosi, fino alle lenti coprenti tipiche delle feste di Halloween o utilizzate nei film.

Lenti speciali

Per i casi più particolari esistono infine diverse lenti apposite.

Esistono lenti definite terapeutiche, senza correzione ma da indossare su indicazione medica per coprire ad esempio una escoriazione o una ustione all'occhio.

Esistono lenti estetiche, da non confondere con le cosmetiche, usate per moda, queste letni possono coprire un occhio danneggiato ricreando una normale estetica esterna.

Una tipologia di lenti ancora non molto conosciuta è quella delle lenti da ortocheratologia. Di questa particolare tipologia di lenti parleremo più avanti in una nuova curiosità, ma si tratta di speciali lenti che, portate di notte e tolte al risveglio, consentono una visione nitida senza correzione per tutto il giorno!

Consigli per un uso sicuro

Non hai mai provato lenti a contatto? Rivolgiti al tuo optometrista di fiducia!

Evita sempre il fai da te: una corretta applicazione e regolari controlli dall'optometrista e dal medico oftalmologo sono le premesse per un porto sicuro e sempre confortevole.

Lavati sempre le mani prima di toccare gli occhi e le lenti.

Rispetta le scadenze concordate con l'optometrista.

Controlla sempre l'integrità delle lenti e dei prodotti di manutenzione.

Non usare le lenti in caso di influenza, raffreddore o allergia, in caso tu stia usando farmaci o colliri, in ambienti troppo polverosi o in piscina se non utilizzi gli occhialini.

Infine, segui sempre le istruzioni del tuo professionista di fiducia!

Per concludere

Le lenti a contatto offrono una visione naturale e confortevole, una qualità visiva e una libertà di movimento superiori.

Vuoi provare le letni a contatto? Chiedi al tuo optometrista!

Cheratocono

Il cheratocono è una patologia della cornea, la porzione trasparente più esterna dell'occhio. In un occhio affetto da questa problematica una porzione della cornea si assottiglia e si indebolisce, perdendo la sua resistenza e di conseguenza la sua forma naturale: spinta dalla pressione interna dell'occhio questa assume una forma, appunto, conica.

Il cheratocono viene diagnosticato dal medico oftalmologo solitamente dopo una topografia, un esame strumentale in grado di ricreare una mappa dell'occhio per evidenziarne le alterazioni. È importante quindi in caso di sospetto cheratocono rivolgersi a medico per una pronta diagnosi, ed in caso di riscontro della patologia effettuare controlli periodici per monitorarla.

Il cheratocono causa un astigmatismo irregolare, spesso abbinato a miopia. Per questo i primi sintomi del cheratocono sono in genere quelli di visione sfocata tipici dei due difetti refrattivi.
La visione risulta più alterata quanto più progredisce la patologia.

A causa della forma irregolare assunta dall'occhio, la visione non è completamente migliorabile con occhiali. per ottenere una buona visione quasi sempre occorrono delle speciali lenti a contatto.

A differenza delle più comuni lenti morbide, le lenti per cheratocono sono in materiale duro, spesso chiamate semirigide, così da poter appoggiarsi all'occhio senza deformarsi, ma al contrario simulando una forma pi&ugarev; regolare e consentendo una visione nitida.
Queste lenti vanno realizzate su misura, dopo una attenta applicazione effettuata dall'ottico o optometrista in modo da consentire una visione ottimale senza alterare la delicata situazione della cornea.

Luce Blu

La luce ci consente di vedere il mondo in tutta la sua bellezza. Diffusa dal Sole o dalle lampade nelle nostre case, si irradia nell'ambiente illuminando tutti gli oggetti. Arrivata ai nostri occhi ci consente di osservare i colori, le forme e tutte le sfumature del nostro bellissimo mondo.

C'è molta differenza però tra la luce naturale del Sole e la luce delle moderne lampade a neon o a led... Sempre di più infatti queste moderne fonti luminose sono ad alta energia, di un bianco vivissimo, quasi tendente all'azzurrino, come ad esempio nei fari delle auto.
Questa luce così accesa, che in genere si definisce bianco freddo, non è altro che una radiazione con una forte componente di luce blu.

Parliamo di luce

La luce bianca è infatti composta da tante luci di energia diversa, che compongono i diversi colori, proprio come nell'arcobaleno. Partendo dal rosso dotato di minore energia, si passa all'arancione, il giallo, il verde, l'azzurro ad energia intermedia, per arrivare al blu-viola ad alta energia.
Oltre a queste che rappresentano la luce che noi possiamo vedere, esistono gli infrarossi, prima del rosso, e gli ultravioletti, dopo il blu-viola, entrambe non visibili ma che possiamo percepire sotto forma di calore o quando ci abbronziamo al mare.

La luce nei dispositivi moderni

Nella luce del nostro Sole, quella più naturale per i nostri occhi, c'è una predominanza di toni caldi di giallo e rosso. Al contrario, nei moderni led si ha una forte dominanza di luce blu. Questa rende il led di un bel bianco brillante ma... Può stancare i nostri occhi!

Ricerche recenti sembrano infatti indicare che l'eccesso di luce blu nei moderni dispositivi elettronici può portare ad affaticamento visivo. Sembrerebbe inoltre che la luce blu sia responsabile di alterazioni dei cicli di veglia e sonno, disturbando il nostro riposo.

Per questo i sistemi più recenti consentono di ingiallire lo schermo nelle ore serali, riducendo l'affaticamento degli occhi. Ma come difendersi davvero dall'eccesso di luce proveniente dal luogo di studio o lavoro, dal cellulare, dagli schermi di pc e televisione, dai fari delle auto e sempre più spesso anche dalle lampadine nelle case?

Lenti da vista per una protezione completa

Per fortuna esistono diversi dispositivi specifici per ridurre l'arrivo di luce blu ai nostri occhi! È il caso delle lenti oftalmiche di nuova generazione, che con il loro materiale o con il trattamento antiriflesso possono bloccare una parte più o meno alta della luce blu.

Non bisogna esagerare... La luce blu, anche se può risultare fastidiosa, è comunque parte della luce bianca. Eliminarla completamente significherebbe privarci di parte della nostra qualità visiva nonchè alterare i colori degli oggetti. Quindi la lente oftalmica non deve bloccare tutta la luce blu!
Al contrario, deve bloccare tutti i dannosi raggi UV, molto simili alla luce blu ma non più visibili e solo dannosi per gli occhi.

Le migliori lenti moderne quindi sono in grado di bloccare completamente la luce UV e di fermare anche una piccola parte della blu, lasciando passare quel che serve a mantenere una buona visione, una corretta percezione dei colori, ma assorbendo l'eccesso che stanca gli occhi.

Come funzionano queste lenti?

Generalmente le lenti funzionano in due modi diversi: alcune lenti sono composte di un materiale che è in grado di assorbire la luce blu, bloccandone il passaggio. Altre lenti sono trattate con un particolare antiriflesso che riflette la luce blu, anche in questo caso lasciando passare solo la luce necessaria.

Questi tipi di lenti possono essere indicate sia per chi cerca la migliore tecnologia sia per chi, come i più giovani, hanno più necessità di protezione e sono esposti per tempi maggiori alla luminosità dei dispositivi digitali.
Alcune ditte di lenti hanno quindi sviluppato più tipi di lenti, alcune con la massima protezione per chi è maggiormente immerso nel mondo digitale, altre per chi cerca una soluzione di protezione più flessibile e discreta.

Quale scegliere? Il vostro optometrista ed il vostro ottico di fiducia sapranno indicarvi al meglio le diverse opportunità attualmente offerte dal mercato, proponendo la soluzione più adatta alle vostre esigenze!

Raggi UV

I raggi UV, o ultravioletti, sono una particolare componente della luce, ad alta energia e non visibile dall'occhio umano.

La luce è quella particolare forma di energia emessa dal Sole, dalle altre stelle, o da dispositivi artificiali come le lampade in casa.
Di tutta la luce, solo una piccola parte è visibile. Una grande quantità di luce ha energia troppo bassa o troppo alta per essere vista, ma arriva comunque a colpire i nostri occhi.

I raggi UV sono appunto una parte ad alta energia della luce. Possono essere molto pericolosi: sono i responsabili dell'abbronzatura estiva, ma proprio come ci possiamo scottare la pelle se prendiamo troppo sole, anche i nostri occhi possono rimanere danneggiati dai raggi UV.
Anzi, poichè i nostri occhi non possono cambiare il loro colore per difendersi, sono più sensibili ai raggi UV e vanno protetti.

Per fortuna ci sono tanti dispositivi e abitudini che ci aiutano.

Primi fra tutti gli occhiali da sole, nati per difenderci dai raggi dannosi oltre che dalla luce in eccesso. Le lenti grazie al loro colore trattengono la luce visibile in eccesso, permettendoci di eliminare quel fastidioso effetto di abbagliamento. Ma se le lenti rispettano gli standard riescono a bloccare anche tutti i raggi UV. Per questo è importante assicurarsi di usare lenti da sole di buona qualità: se non lo sono, i raggi UV, che per noi sono invisibili, potrebbero arrivare ai nostri occhi e danneggiarli senza che noi possiamo accorgercene!
Ricordiamo che è possibile produrre lenti da vista perfettamente colorate e protettive per il sole.

Oltre agli occhiali da sole, esistono diverse soluzioni anche per le lenti chiare da vista.
Un primo esempio sono le lenti fotocromatiche, lenti con apposita tecnologia che si attiva in risposta ai raggi UV, colorando la lente e rendendola una perfetta lente protettiva.
Anche i trattamenti antiriflesso di migliore qualità, pur essendo perfettamente trasparenti, sono prodotti in modo da bloccare i raggi dannosi. Questi trattamenti, effettuati sulle lenti da vista, le rendono quindo non solo più trasparenti alla luce visibile, ma riescono a renderle dei dispositivi di protezione dagli UV.
Infine, molti materiali per lenti da vista, anche se trasparenti, sono prodotti in modo da non lasciar passare questi raggi dannosi! Chiedi sempre al tuo optometrista o ottico di fiducia le specifiche del materiale delle tue lenti!

Una curiosità: anche alcune lenti a contatto, anche queste perfettamente trasparenti e non colorate, possono proteggere gli occhi dai raggi UV! Inoltre, i ricercatori stanno studiando e producendo uno speciale materiale per lenti a contatto fotocromatico, quindi forse presto potremo avere lenti a contatto che si colorano al sole!

Abbiamo visto tanti dispositivi diversi, ma la cosa più importante è ricordarsi di proteggere sempre gli occhi: non possiamo vedere gli UV ma possiamo difenderci!

Antiriflesso

L'antiriflesso è un trattamento che viene effettuato sulla superficie delle lenti per renderle più trasparenti. È composto da uno o più sottilissimi strati di materiali con specifiche proprietà ottiche.

Funzionamento

I vari strati si occupano di eliminare i fastidiosi riflessi che la luce farebbe sulle superfici della lente. Senza trattamento quindi le superfici della lente riflettono una piccola quantità di luce, rendendo la lente leggermente specchiante. Con il trattamento questa riflessione viene diminuita quasi a zero.
Come si può osservare nella foto, la lente non trattata presenta riflessi bianchi e ben evidenti. Al contrario, nella lente con trattamento resta un residuo di riflesso verde, molto meno intenso, rendendo la lente nel complesso più trasparente.

Questo permette a chi indossa l'occhiale di conservare una visione più pulita e naturale.

Non tutti i trattamenti antiriflesso sono uguali

I vari trattamenti possono differire notevolmente uno dall'altro. Una lente può essere completamente non trattata, oppure presentare uno o più trattamenti multipli, che genericamente possiamo distinguere in:

Indurente, una volta chiamato antigraffio, trattamento base che rende le lenti più resistenti;
Antiriflesso, l'effettivo trattamento che elimina i riflessi, che nei trattamenti di alta qualità è composto da molti strati per eliminare più riflessi possibile;
Antistatico, una componente degli antiriflessi migliori che rende la lente più resistente allo sporco;
Idrofobico, l'ultimo strato che rende la lente più facilmente pulibile.

Trattamenti specifici

Oltre ai trattamenti "base", utili per rimuovere i riflessi, esistono trattamenti specifici per casi particolari, come ad esempio i trattamenti blue-protect, che bloccano i raggi UV e parte della luce blu ad alta energia, presente in gran quantità nei led e negli schermi moderni.

Un altro esempio è la specchiatura, un trattamento effettuabile sulle lenti colorate da sole per rispondere a tutte le esigenze della moda.

Infine esistono trattamenti che rendono la lente antiappannante o resistente al calore.

La miglior visione

L'antiriflesso è una componente fondamentale per una lente oftalmica dalle prestazioni al top. Rende la lente più resistente e longeva, consente una visione chiara e nitida in ogni condizione di luce, e risponde ad esigenze di lavoro e di visione particolari.

Lenti "oftalmiche"

Con il termine lenti oftalmiche si indicano le lenti correttive degli occhiali.

Un po' di storia

La storia delle lenti oftalmiche parte già dagli antichi romani, ma è solo in epoca medievale che, sempre nella penisola italica, la lavorazione del vetro viene indirizzata esplicitamente a questo scopo: le lenti oftalmiche, grazie alla loro forma, alla qualità e alla curvatura delle superfici, consentono di deviare la luce in modo ottimale, consentendo a chi ha difetti visivi di tornare a vedere nitidamente.

I materiali

Attualmente le lenti possono essere prodotte in diversi materiali: al fianco delle storiche lenti minerali, composte di vetri più o meno complessi, esistono le lenti organiche infrangibili, fatte di diverse tipologie di materiali organici che, a parità di traspareza e qualità ottica risultano più leggere e resistenti agli urti.
Sia per le minerali sia per le organiche, le variazioni nel materiale portano le lenti ad essere più o meno sottili, rendendole adatte a tutte le problematiche visive.
Le lenti possono essere colorate per proteggere dal sole, oppure fotocromatiche che si colorano al sole per tornare chiare in ambienti chiusi o con poca luce.

Le funzionalità

Possiamo inoltre distinguere le lenti oftalmiche per la problematica che correggono e quindi per il loro "potere": esistono lenti negative per miopia, positive per ipermetropia e presbiopia, esistono lenti per astigmatismo o altro.
Infine si differenziano tra monofocali, lenti che consentono di vedere solo da lontano o da vicino, o multifocali, che consentono di vedere bene a più distanze, come ad esempio le lenti per ufficio o le progressive.

La migliore visione

Come vedete esistono tante tipologie di lenti oftalmiche, ognuna adatta a necessità specifiche, tutte con lo scopo comune di consentire sempre la visione migliore a chi le indossa: per ogni necessità esiste la giusta lente!